“La Chimera” (omaggio a Dino Campana)

CHIMERA (omaggio a Dino Campana)

fotografia di Paola Mongelli, 2022

La chimera, 1914

Dino Campana

        Non so se tra roccie il tuo pallido
        Viso m’apparve, o sorriso
        Di lontananze ignote
        Fosti, la china eburnea

5     Fronte fulgente o giovine
        Suora de la Gioconda:
        O delle primavere
        Spente, per i tuoi mitici pallori
        O Regina o Regina adolescente:
10    Ma per il tuo ignoto poema
        Di voluttà e di dolore
        Musica fanciulla esangue,
        Segnato di linea di sangue
        Nel cerchio delle labbra sinuose,
15    Regina de la Melodia:
        Ma per il vergine capo
        Reclino, io poeta notturno
        Vegliai le stelle vivide nei pelaghi del cielo,
        Io per il tuo dolce mistero
20    Io per il tuo divenir taciturno.
        Non so se la fiamma pallida
        Fu dei capelli il vivente
        Segno del suo pallore,
        Non so se fu un dolce vapore,
25     Dolce sul mio dolore,
        Sorriso di un volto notturno:
        Guardo le bianche rocce le mute fonti dei venti
        E l’immobilità dei firmamenti
        E i gonfii rivi che vanno piangenti
30    E l’ombre del lavoro umano curve là sui poggi algenti
        E ancora per teneri cieli lontane chiare ombre correnti
        E ancora ti chiamo ti chiamo Chimera.

Ultimi articoli

Parla come mangi

Quando si affronta la tematica del cibo in una prospettiva filosofica, è quasi impossibile non partire dalle riflessioni di un importante filosofo attivo intorno alla metà dell’Ottocento, Ludwig Feuerbach. Il quale è riuscito a darci in un’unica formula l’essenza del cibo e quella dell’uomo: «L’uomo è ciò che mangia».

Read More »

4 Poesie

Bulimia

Lentamente
vorrei che lentamente
io sapessi gustare
e non sbranare sempre
per avere più tempo
e non che l’ora dopo
sovrapposta alla prima
mi sottraesse già
quei sessanta minuti
di vita.

Read More »