La classe morta

Proporrei un’opera teatrale: La classe morta di Tadeusz Kantor, del 1975.
Non vengono rappresentati folli, alienati o pazzi. Ma la vita di una classe di bambini frammentata nelle loro esistenze interrotte. La sofferenza psichica comporta spesso una lucidità eccessiva sugli interrogativi che la vita ci pone e da cui ci difendiamo in mille modi.

Di Angelo Fioritti

Ultimi articoli

“Poesie”

Come possiamo riprometterci umani? Una geniale cecità in groppa a droni mescola Reality, torti e ragioni statistiche di cadaveri, merletti

Read More »