In questo numero

Punti di rottura

Covid 19, analisi e scenari del post-emergenza

Lombardia a pezzi – Infografica
di Mattia Ammirati e Sara Dellabella

Dietro la sanità lombarda
di Valeria Negrini

Le ragioni di un fallimento/1
di Tiziano Rugi

Un’altra prima linea
di Andrea Armocida

Le ragioni di un fallimento/2
di Tiziano Rugi

L’angelo della storia
di Raffaele Bracalenti

Tutti sulla stessa barca
di Chiara Peri

Controverso
di Pietro De Santis

Distacco e distanza
di Mariella De Santis

Spillover
di Giacomo Anitori

Clinica del re-incontro
di Luciana Bianchera e Antonio Tari

Mancanza di respiro
di Giorgio Cavicchioli e Luciana Bianchera

Re-intrecciare la trama e l’ordito
di Chiara Punzi

Ci sarà tempo? Ci sarà volontà?
di Isabella Mastropasqua

Scatti a casa
a cura di Isabella Mastropasqua

Ripensare la professione, riscoprire il potere
di Gianmario Gazzi

La cultura incapace di comprendere
di Lucia Guarano

Spunti di un terzo pensiero
di Chiara Peri e Chiara Punzi

Hanno collaborato

Raffaele Bracalenti

Medico dal 1981, ha incominciato ad occuparsi di psicoanalisi con Sandro Gindro dall’età di diciannove anni. Prestissimo è divenuto collaboratore di Gindro affiancandolo sia nell’attività clinica sia in quella di ricerca. Da sempre è interessato, oltre all’attività clinica, all’uso della psicoanalisi in contesti non clinici (scuole, servizi sociali, comunità): si è così occupato di formazione di insegnanti, assistenti sociali, educatori, e anche dello sviluppo di nuove modalità di lavoro sociale in contesti diversi.

E’ socio fondatore dell’Iprs, dove ha ricoperto la carica di vicepresidente dalla fondazione al 2002, anno in cui è divenuto Presidente, dopo la morte del fondatore Sandro Gindro.

Nel corso di quasi trent’anni di attività di ricerca si è occupato principalmente di: minori (minori e devianza, bullismo, dispersione scolastica, minori stranieri), giustizia riparativa, immigrazione, discriminazione, razzismo. Ha ricoperto la funzione di Direttore scientifico e Coordinatore in un numero rilevante di progetti nazionali e europei sui temi dell’infanzia e dell’adolescenza nei programmi Daphne, DG Employment, Social Affairs and Inclusion; DG Home Affairs; DG Justice; DG Research (nell’ambito del settimo programma quadro e ora di Horizon) e per conto della Presidenza del Consiglio, del Ministero del Lavoro, del Ministero dell’Interno, sui temi dell’adolescenza e dell’infanzia, delle migrazioni e dell’integrazione; il rapporto tra minori e Giustizia Minorile declinato, esso stesso, in ulteriori specifici assi di intervento quali: la comunicazione sociale, la messa a punto di strumenti per la condivisione di saperi e linguaggi tra Giustizia Minorile e servizi sanitari.

Valeria Negrini

Portavoce del Forum Terzo Settore della Lombardia e presidente di Confcooperative-Federsolidarietà Lombardia. Una vita dedicata alla cooperazione sociale con diversi ruoli, inizia la sua esperienza come coordinatrice del centro diurno L’Angolo per senza fissa dimora. Tuttora impegnata con le cooperative La Rete e ArticoloUno che, in provincia di Brescia, operano con diverse tipologie di servizi nell’area del disagio adulto, della salute mentale e dell’orientamento e inserimento lavorativo, opera anche su temi come l’imprenditorialità sociale, il mutualismo, l’innovazione nei sistemi di welfare. Ha un Master in Economia e gestione delle cooperative e imprese sociali (ISFOR- Università&Impresa-Brescia).

Pietro De Santis

È nato a Roma, dove vive e lavora. Si è laureato in Fisica delle Particelle Elementari (1976), con la tesi “Interazioni fotone-fotone in Adone”, verifica sperimentale della QED (Elettro Dinamica Quantistica) pubblicata in Physics Letters con il titolo: “Experimental results on Photon-Photon interactions at ADONE” Phys. Lett. B 86 (1979) 239-242; in conseguenza al lavoro di tesi ha prodotto un lavoro sulla particella J/Psi pubblicato in Notiziario INFN con il titolo Experimentation on two photon Process in Notiz. INFN, 1 (1978). Successivamente si è laureato in Psicologia (1984), con una tesi su “Aspetti clinici e aspetti teorici del senso di colpa inconscio nel pensiero di Sigmund Freud” pubblicata in Psicoanalisi Contro con il titolo “Un errore logico” Psi. Con. 10 (1985). Si è specializzato in psicoterapia con il Prof. Sandro Gindro.

È socio dell’Associazione Culturale Psicoanalisi Contro; è socio fondatore dell’Istituto Psicoanalitico per le Ricerche Sociali (IPRS); è socio fondatore dell’Associazione Romana per la Musica Sacra e Religiosa (ARMUSER); è socio fondatore dell’Associazione musicale migrArte. È responsabile degli Incontri di Musica Sacra e Contemporanea. È iscritto all’Ordine degli Psicologi nella Regione Lazio e abilitato all’esercizio della Psicoterapia. Svolge attività professionale a Roma e a Morrovalle (MC). Principali pubblicazioni.  In ambito psicologico: “L’impossibile consenso della mente che soffre” (il Corriere Medico, 5-6 giugno 1993 e Bioetica, di Adriano Bompiani, Edizioni Dehoniane Bologna 1994); Le malattie rare: una sfida ai sistemi di welfare (IPRS, 2003); Violenza in diretta sportiva (Provincia di Ancona, 2003); Il valore pedagogico dello sport che verrà (La rivista delle Marche, 2003); La sfida di Palinuro (IPRS, 2004); Icaro (IPRS, 2004); Adolescenza liquida (Edup, 2008), Il caso del Piccolo Hans (Edup, 2009); La malattia di Filottète (Edup, 2010); Storie comuni di malattie rare (Edup, 2011); Malattie rare: le associazioni e gli strumenti per affrontare il problema  (CESV, 2012). In ambito letterario:  Antonio Pizzuto: l’inconscio rivelato (agon.unime.it, fascicolo-13, 2017); I would prefer not to: maneggiare lettere morte (Raccolta Bartleby, Herman Melville Poetry Foundation, 2017); Grazie, Professore (Romanzo, Prospettiva Editrice, 2019); Nove Racconti e ½ (Raccolta di racconti, Editore Mauro Pagliai).

Mariella De Santis

Mariella De Santis è nata a Bari in un raro giorno di neve del 1962. Vive tra Roma e Lecco. Laureata in Servizio Sociale è specializzata in progettazione strategica. Ha conseguito un’alta formazione nell’intervento sulle dipendenze e ha un master in neuroscienze. Nel tempo ha perfezionato la propria attività nella definizione di processi metodologici in supporto ai policy makers. È interessata ai percorsi di innovazione della cultura e del linguaggio professionale, argomenti su cui ha scritto molti contributi e tenuto corsi universitari. Suo il progetto di un dizionario in lingua italiana di Servizio Sociale (2001). In campo letterario ha fondato e condiretto riviste nazionali e internazionali, lavorato per case editrici e con musicisti, artisti visivi, attori e pubblicato libri. Pensa che di assistere non sia più tempo e che alla professione competa occuparsi di salute sociale, per questo auspica una ridefinizione del nome : sociatra più che assistente sociale. Sic est.

Isabella Mastropasqua

Isabella Mastropasqua è dirigente del Dipartimento per la Giustizia minorile e di comunità dove si occupa di prevenzione della devianza e promozione della Giustizia Riparativa. Dirige il Centro Europeo di Studi di Nisida. È responsabile della collana I Numeri Pensati del Dipartimento per la Giustizia minorile e di comunità ed ha curato numerose pubblicazioni sui temi del disagio minorile, della devianza, del lavoro sociale.
Insegna all’Università agli studi Roma3.

Luciana Bianchera

Psico-pedagogista, formatrice, docente presso l’Università di Brescia, responsabile della formazione di Sol.Co Mantova.

Giorgio Cavicchioli

Psicologo, psicoterapeuta, psicoanalista, vive a Mantova dove svolge attività clinica in libera professione. È docente e supervisore presso l’Istituto di Psicologia Psicoanalitica di Brescia. È formatore e supervisore presso enti ed istituzioni pubbliche e private negli ambiti psicosociosanitari, educativi e dell’immigrazione. Ha pubblicato numerose monografie ed articoli su tematiche psicoanalitiche e del lavoro socio-istituzionale su riviste nazionali e internazionali.

Antonio Tari Garcia

Medico-psichiatra, psicoterapeuta e terapista di gruppo. Coordinatore del Centro di Riabilitazione Comunitaria del Sistema Sanitario Pubblico di Aragona, dove da venticinque anni lavora nella cura di pazienti psicotici gravi.

Già presidente dell’Associazione Area3 fino al 2011 e attualmente membro del Comitato di Redazione della rivista Area3 e docente presso la Scuola di Formazione Area 3.

Membro del Consiglio di Amministrazione della SASM – Associazione Spagnola di Neuropsichiatria in Aragona. E’ un membro fondatore e attivista della Piattaforma in Difesa della Salute Mentale dell’Aragona.

Chiara Peri

Ricercatrice presso l’IPRS di Roma, laureata in Filologia Semitica e dottore di ricerca in ebraistica, si è specializzata presso la SPICES- Scuola di Politica Internazionale, Cooperazione e Sviluppo con una tesi sul diritto di asilo nelle politiche dell’Unione Europea. Ha collaborato per 19 anni con il Centro Astalli, sede italiana del Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati (JRS), dove ha ricoperto negli anni diverse mansioni: coordinatrice della progettazione, responsabile delle relazioni internazionali e delle attività di dialogo interreligioso. E’ autrice di diverse pubblicazioni sulla migrazione forzata e sul sistema di asilo e di accoglienza in Italia e in Europa e collabora regolarmente con il Dossier Statistico Immigrazione IDOS. Partecipa come relatrice ad alcuni programmi accademici, tra cui il Master of Nonprofit Administration (MNA) dell’Università di San Francisco, il Master “Nuovi orizzonti di cooperazione e diritto internazionale” dell’Università Lateranense e l’Università Loyola Chicago.

Parallelamente al lavoro nel campo della migrazione forzata, per molti anni ha coltivato la ricerca accademica nel campo della storia delle religioni e del Vicino Oriente Antico. E’ autrice delle monografie Il regno del nemico. La morte nella religione di Canaan (Paideia 2003) e I poemi ugaritici della regalità. I poemi di Keret e di Aqhat (Paideia 2004).

Chiara Punzi

Chiara Punzi ha ventiquattro anni ed è una studentessa al sesto anno di Medicina presso l’Università di Roma La Sapienza. Vivegli studi come una tensione a comprendere l’essere umano nella sua complessità bio-psico-sociale.

Ha sostenuto alcuni esami appartenenti al corso di Laurea Magistrale in Antropologia. Sin dal primo anno, ha approfondito con passione i temi della salute mentale, a partire dallo studio dell’esperienza basagliana e dell’etnopsichiatria.

È volontaria nel mondo delle cooperative sociali, impegnate per la legalità e per il reinserimento socio-lavorativo di persone svantaggiate: migranti forzati, detenuti, tossicodipendenti, sofferenti psichici.

Lavora con entusiasmo per poter diventare psichiatra e psicoterapeuta nell’ambito della psichiatria di comunità.

Giacomo Anitori

Ha conseguito la laurea in Medicina e Chirurgia – con lode – ad Ancona, presso L’Università Politecnica delle Marche nel 2012 . Ha acquisito esperienze di Medicina del Lavoro presso la Clinica di Medicina del Lavoro dell’Azienda Ospedaliera “Ospedali Riuniti” di Ancona, come specializzando. Si è poi specializzato in Medicina Generale per la Regione Marche, cambiando percorso formativo, dall’Ospedale al Territorio e svolgendo incarichi di Continuità Assistenziale a tempo determinato.

Conseguito il Diploma del C.F.S.M.G. alla fine del 2016, ha ricoperto ininterrottamente il ruolo di medico di Continuità Assistenziale e saltuariamente di sostituto per la Medicina Generale presso l’ASUR Marche AV3 fino al 2019, anno del convenzionamento con il SSN con incarico di MMG, ruolo che ricopre tuttora.

Ha inoltre ottenuto il diploma di Ecografia Clinica di base S.I.U.M.B. e l’idoneità all’attività di Emergenza Sanitaria Territoriale/118 regionale presso l’ASUR Marche nel 2018. È attualmente membro del Consiglio Provinciale della F.I.M.M.G. di Macerata.

Coltiva interessi per le Scienze Naturali, la Letteratura e l’Antropologia Culturale.

Antonino Raffone

Antonino Raffone è professore associato presso il Dipartimento di Psicologia della Sapienza Università di Roma. Nella stessa università ha conseguito la laurea in “Psicologia”, il perfezionamento in “Psicologia cognitiva e reti neurali”, e il dottorato di ricerca in “Psicologia e scienza cognitiva”. È inoltre Visiting Professor presso la School of Buddhist Studies, Philosophy and Comparative Religions della Nalanda University in India nel 2005.  E’ autore di diverse pubblicazioni scientifiche internazionali, con particolare riferimento a ricerche sulla coscienza, l’attenzione, la meditazione e il benessere psicologico. È del Master in “Mindfulness: pratica, clinica e neuroscienze” alla Sapienza.